Ultimi appuntamenti prima di Natale

natale_mercatini_treviso

Avete  ancora una domenica per visitare Natale in Borgo 2015 a Borgo Cavour. Potete dedicarvi allo shopping natalizio,  acquistare originali idee regalo natalizie e visitare la mostra mercato dell’artigianato ed i Colori e sapori Regionali.

Una serie di bancarelle disposte nell’intero di Borgo Cavour permetterà ai visitatori di acquistare prodotti artigianali, addobbi natalizi, accessori per il presepio, decorazioni per l’Albero di Natale, regali natalizi oltre ai dolci delle feste non solo veneti.

Mercatini_Natale_Ceneda

I mercatini di Natale in Borgo Cavour a Treviso saranno resi ancora più ricchi dalla presenza della mostra di presepi tradizionali presso la Sala d’Arme di Porta Santi Quaranta a Treviso.

La mostra di presepi è oramai un appuntamento fisso dei Mercatini di Natale in Borgo cavour ed è giunta all’8a edizione.

In occasione dei mercatini di Natale 2015 a Treviso hanno luogo diversi eventi legati al periodo natalizio; tra questi i mercatini di Natale di Lienz che sono riproposti annualmente grazie alla collaborazione col Comitato Amicizia Treviso Lienz e i cori natalizi itineranti Coro 3 Molini.

Il Coro 3 Molini organizza per domenica 20 dicembre 2015 una rappresentazione delle principali melodie di Natale in alcuni luoghi del centro di Treviso: dalla Loggia dei Cavalieri a Piazza Borsa, dal Calmaggiore a Via XX Settembre.

Torma anche la rassegna “Nuovi canti di Natale a Treviso” che ha preso il via il 5 dicembre e proseguirà fino ad epifania 2016.

Le origini del Tiramisù

origini_tiramisu_treviso

Il tiramisù è un dolce storia della cucina italiana, le cui origini vengono spesso contese fra il Veneto, il Friuli Venezia Giulia e il Piemonte. Ma oggi il tiramisù è riconosciuto come dolce principe della provincia di Treviso.

Era il luglio del 2007 quando Carminantonio Jannaccone, pasticcere a Baltimora, che prima di stabilirsi negli Usa aveva lavorato come cameriere a Treviso, dichiarò in un’intervista al Washington Post di aver inventato il tiramisù negli anni della gioventù trascorsa in Italia. La cosa non mancò di offendere e far insorgere  i buongustai e cultori della trevigianità.

Tra cui Bepo Zoppelli, accademico della Cucina Italiana e delegato trevigiano, che  categorico ha affermato: «Il tirami sù è trevigiano. E’ vero che forse le radici affondano nel lontano Medioevo, su ispirazione di una zuppa inglese, e che quel dolce girò diverse zone d’Italia, fra cui la Toscana. Ma sulla trevigianità non ci sono dubbi. Che poi girino altre ipotesi sulla sua nascita è vero, ma la paternità del ristorante Le Beccherie di Treviso è storia, consacrata dai maestri della cultura veneta».

Queste sono solo due delle mille versioni legate alla paternità del Tiramisù. Ma dove nasce il nome di questo squisito dolce?

Il nome attuale “tiramisù” viene fatto però risalire ai cortigiani veneziani. Si era infatti diffusa la voce che il tiramisù avesse proprietà afrodisiache, e per gli amanti della Serenissima, far precedere ad ogni incontro galante e ad ogni amplesso amoroso, grandi scorpacciate di “zuppa del duca”, divenne un rito irrinunciabile.

Fu con ogni probabilità questa presunta qualità, di dar impeto e vigoria all’incontro amoroso, a dare origine al nome leggermente allusivo e ancora in uso oggi di Tiramisù.

Insomma, stasera tutti a casa a mangiare un po’ di Tiramisù….

large.jpg

Il festival di Treviso dal sapore internazionale

Home Festival Treviso

FEDEZ, Negrita, J-Ax, Franz Ferdinand & Sparks, Interpol, Marracash, Lo Stato Sociale, Aucan, e per il secondo anno consecutivo torna in Italia il Colors Splash Party. Questi sono SOLO I primissimi nomi annunciati per la sesta edizione del Festival che avrà luogo a Treviso in Zona Dogana dal 3 al 6 settembre 2015 ( la line-up si sta arricchendo di grandi nomi, giorno dopo giorno!).

L’HOME FESTIVAL è la Casa Delle Arti, non solo musica, ma anche arte e intrattenimento. Anche quest’anno si conferma la straordinaria presenza del Terzo Paradiso del Maestro MICHELANGELO PISTOLETTO, ma anche un’area dedicata alla street art con ospiti internazionali all’orizzonte, workshop di fotografia con special guest, un palco dedicato alle più disparate forme d’arte, letteratura, illustrazione e molto altro. E per i gruppi emergenti continua il sogno della vittoria del Sziget & Home Sound Conest.

La sesta edizione dell’Home Festival si presenta densa di eventi, dove la musica live rimane la padrona di casa, con ben 11 aree spettacolo, 200 concerti, 8 palchi di cui 3 coperti  tra cui 2 tende da circo e una di queste sarà di 5000 mq2 che permetteranno il proseguo del festival anche in caso di mal tempo.

I primi nomi annunciati fanno capire che nessun genere musicaIe sarà dimenticato, tutti verranno accontentati e avranno la possibilità di fare piacevoli scoperte.

L’Home Festival è sempre più internazionale, vuole proseguire il suo percorso verso i modelli dei festival più importanti in circolazione come: Sziget, Tomorrowland, Coachella, quasi in maniera ufficiale si può dire che Home è sulla buona strada per confermare la presenza di un’area campeggio “Dream Village” adiacente all’area festival, dove gli amanti della musica, chi non vuole perdersi un minuto di festival e chi viene da lontano e perché no dall’estero può sentirsi a casa all’Home Festival.

Gli amanti della musica italiana e internazionale che vogliono meravigliarsi e divertirsi per quatto giorni di fila, salutando in una maniera unica l’estate 2015 sono il popolo Home, se anche tu ti senti chiamato in causa non tentennare più, ti aspettiamo dal 3 al 6 settembre all’Home Festival. “Because We Need To Keep On Wondering!”

Vi diamo qualche numero dell’HOME FESTIVAL 2015 per mostrarvi quanto questo festival, oggi, abbia una risonanza nazionale e internazionale ( non più locale).

Un festival che, dunque, va supportato perché aiuta l’economia locale e gli interessi della città. Insomma, ci piace Treviso ma ci piace tanto anche l’HOME FESTIVAL

  • GIORNI DI FESTIVAL: 4
  • AREA FESTIVAL: circa 100.000 metri quadri (senza considerare le aree esterne)
  • PALCHI E PUNTI DI SPETTACOLO: più di 11 di cui 3 coperti e 2 tende una da 5.000 mq2 e una da 1000 mq2
  • CONCERTI: più di 200
  • AREA STAND E STRUTTURE COMMERICALI: circa 15.000 metri quadri
  • STAFF, VOLONTARI E ADDETTI ALLA SICUREZZA: 500 persone
  • GIORNALISTI E FOTOGRAFI ITALINI E STRANIERI ACCREDITATI ed. 2014: più di 100
  • CONTATTI SITO INTERNET: circa 200.000 contatti
  • AZIENDE PARTNER E SPONSOR: circa 50
  • PUNTI RISTORO: 20
  • WORKSHOP: 10
  • AREE TEMATICHE: 5
  • PARCO GIOCHI:1
  • AREE PARCHEGGIO: 4 (auto), 1 (moto), 1 (bici), 1 (disabili)
  • PRESENZA STIMATA NELL’EDIZIONE 2014: 82.000 spettatori (nei quattro giorni dell’evento)

Mailticket_homefestival15

Cosa e dove mangiare a Treviso

Cosa mangiare a Treviso…

La cucina è parte integrante della cultura e della storia di una città. Per un turista, che visita una città per la prima volta, è bello e interessante scoprire i gusti e le usanze culinarie e gastronomiche di un popolo.

Oggi vogliamo raccontarvi cosa potrete trovare sulle tavole dei trevigiani quando verrete a Treviso.

Il radicchio rosso di Treviso e il variegato di Castelfranco sono un’eccellenza di questa zona che ci invidiano in tutta la penisola. Chi non ha mai provato il famosissimo e buonissimo risotto al radicchio trevigiano?

E la pasta? Ovviamente in nessuna città italiana può mancare la pasta. Allora eccovi serviti i bigoli (bìgoi), gli gnocchi (gnòchi) e tagliatelle (tajadèe).

Il piccione è alla base di uno dei piatti più conosciuti di Treviso: la sopa coada, un pasticcio dalla consistenza piuttosto asciutta in cui strati di carne disossata si alternano a pane raffermo.

Sulle tavole dei trevigiani non manca però il pesce, in particolare quello di fiume, come lo stoccafisso, lo storione, la trota e i tipici sardée in saor e le sepe co ‘l so ner.

Il dolce più famoso della cucina trevigiana è il Tiramisù, ideato nello storico ristorante “Alle beccherie”, che dopo 76 anni di glorioso servizio, ha chiuso le serrande.

… Cosa bere a Treviso

Immagine
Treviso e la sua provincia vantano una storica tradizione vinicola. Questa è infatti la patria del Prosecco e dei Vini dei Colli Conegliano Valdobbiadene.

… Dove mangiare a Treviso

Pizzeria Spillo
Sicuramente una delle migliori pizzerie di Treviso ( se non la migliore).
Viale Gian Giacomo Felissent, 18, 31100 Treviso

Ristorante L’Incontro
Dal 1970 accoglie i suoi ospiti in un’atmosfera raffinata ed elegante.
Largo di Porta Altinia, 13, Treviso

Trattoria Ponte Ottavi
Ottima la tartare!
Strada Ottavio Ottavi 12 | Località Sant’Angelo, 31100 Treviso


ImmagineImmagine